Le sottane del pudore

Le sottane del pudore

"È dalla luna che sgorga sangue, e da un'orma incerta il tormento, o la piatta monotonia, difficile leggere quei petali (se solo si potesse raccogliere intero, e intatto il bocciolo). Mentre la schiuma sensuale ci raggiunge, col morso freddo del padrone, col canto dell'amico scomparso, le orme si ripropongono offrendosi agli sguardi, a volte col pudore che poco affonda, (nella vita ci vuole coraggio), o con la spavalderia che schiaccia e la forza, di chi si crede nel giusto. Spesso mi chiedo se sia meglio muoversi in sordina, accarezzando, o sia più schietto forzare gli incontri, domare le cose." Prefazione di Giorgio Agnisola.